La biglietteria funziona solo con javascript attivato. Per prenotazioni contattare telefonicamente il Teatro.
Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.
Prenota Acquista

Sabato 4 Febbraio ore 21,00

Il Teatro della Voce presenta :

Continua à habitare nel Ghetto
La commedia dei processi ai “marrani

elaborazione teatrale di Franco Di Leo
dal saggio di Riccardo Calimani “L’Inquisizione a Venezia”
(edizioni Mondadori)

con

Ezio Baldo,Federica Domestici,Giuliana Mattiazzi,Jasmine Morandi,Valerio Milan. Musiche originali: Roberto Ludergnani – Scenografia: Valerio Milan.  

Regia Franco Di Leo

Biglietti : Posto Unico – Intero € 15 – Ridotto € 10
La commedia dei processi ai “marrani”

elaborazione teatrale di Franco Di Leo

dal saggio di Riccardo Calimani “L’Inquisizione a Venezia” (edizioni Mondadori)

L’anno 2016, e precisamente il giorno 29 marzo, segna il cinquecentesimo anniversario della creazione del Ghetto di Venezia,  il primo al mondo. Il Senato veneziano stabilì che tutti gli ebrei residenti in città dovessero obbligatoriamente risiedere in una zona a loro riservata nel sestiere di Cannaregio. Nasceva così un’istituzione che si diffuse poi in altre città nel resto dell’Europa.

Per ricordare questo evento e rendere omaggio alle donne e agli uomini che hanno vissuto nel Ghetto di Venezia fino alla sua eliminazione nel luglio del 1797 quando la Repubblica Veneta cessò di esistere, il Teatro della Voce propone lo spettacolo “Continua à habitare nel Ghetto”, un’elaborazione teatrale realizzata da Franco Di Leo sulla base del saggio “L’Inquisizione a Venezia” (Mondadori Libri) di Riccardo Calimani, uno degli storici più importanti dell’ebraismo italiano ed europeo, presidente della Fondazione Nazionale Museo dell’Ebraismo e della Shoah di Ferrara.

Due attrici e due attori, un tavolo, due sedie e una valigia. Una scenografia dipinta a mano che rielabora le case del Ghetto di Venezia. Musiche di ispirazione sefardita composte ad hoc per questo spettacolo. E’ tutto quello che serve per ridare vita ai processi contro i cosiddetti “marrani”, cioè quelle persone che, convertite forzatamente al cristianesimo, rimasero nel loro intimo ebrei e praticarono in tutto o in parte, tra le mura domestiche, i riti del giudaismo. Nella Venezia del Cinquecento per essere accusati davanti al Tribunale dell’Inquisizione di “giudaizzare” bastava una frase imprudente, una berretta gialla, un atteggiamento sospetto o sospettabile o una condotta irregolare, al limite delle convenzioni.

Queste vicende, ricavate dagli antichi verbali dell’Inquisizione riportati testualmente e resi attuali solo nella forma, raccontano storie intense e sofferte, spesso pervase da una sottile ironia, di individui che sarebbero rimasti sconosciuti se non fossero stati accusati di trasgressione, gettando così luce su un aspetto poco noto della suggestiva storia di Venezia.

Anche se gli eventi oggetto di questo spettacolo sono accaduti nel Cinquecento, i costumi di scena sono ispirati agli anni della seconda guerra mondiale: un parallelismo che in apparenza potrebbe sconcertare. Solo in apparenza, però. Le vicende dei marrani, infatti, servono a ricordarci che i tempi cambiano, ma le discriminazioni purtroppo restano.

Insieme allo spettacolo viene allestita, nel foyer dei teatri dove viene rappresentato, la rassegna fotografica “Frammenti”, realizzata da Daniela Domestici nel Ghetto di Venezia e ispirata dalle battute dei personaggi dello spettacolo che costituiscono una sorta di colonna sonora in sottofondo.

 

Per informazioni: 02.313.663

Prenota online o telefona al n° 02 313 663:

 

1. Scegli lo spettacolo tra quelli qui di seguito elencati:


2. Scegli i posti preferiti cliccando sui posti verdi.

scegli un posto

3. In basso completa la prenotazione con i tuoi dati

PALCOSCENICO
1 2 3 4 9 10 11 12 17 18 19 20 25 26 27 28 33 34 35 36 41 42 43 44 49 50 51 52 57 58 59 60 65 66 67 68 73 74 75 76 81 82 83 84 89 90 91 92 A1 B2 C3 D4 E5 F6 G7 H8 I9 L10 M11 N12 O13 5 6 7 8 13 14 15 16 21 22 23 24 29 30 31 32 37 38 39 40 45 46 47 48 53 54 55 56 61 62 63 64 69 70 71 72 77 78 79 80 Corridoio
85 86 87 88 93 94 95 96 97 98 99 100

4. Controlla data e ora:
Spettacolo: Continua a habitare nel Ghetto
Del: 04.02.2017 ore: 21.00

5. Concludi la prenotazione con i tuoi dati:

6. clicca su:


potrai acquistare dopo

Prenotazioni anche telefoniche al n° 02 313 663. Cliccando su 'prenota' verra' verificato se i posti sono ancora liberi. Vanno ritirati almeno 20 minuti prima dello spettacolo. I dati sono trattati informaticamente e necessari per verificare ed evadere l'ordine e gli adempimenti di legge. Si gode dei diritti privacy indicati nel GDPR e nei testi vigenti, da esercitare ai nostri recapiti indicati sul sito. (Biglietteria by IusOnDemand srl)
con il contributo della Fondazione Cariplo